il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



domenica 9 gennaio 2011

Valerio e Carla Verbano - Storia di un ragazzo e di sua madre

…Ho ricevuto molti commenti nel post precedente, dove si parlava di lotte operaie, di deportazioni e di ricostruzione. Un’ operazione di sollecitazione della nostra memoria collettiva di fronte ai continui attacchi degli apparati padronali e governativi.
Tra i tanti, un commento mi ha colpito in modo particolare, arrivato su facebook…….
Carla Verbano (classe 1924) è la madre di Valerio Verbano ucciso dai fascisti dei NAR nel febbraio 1980.

“Alle 13,00 del 22 febbraio 1980 tre persone si presentano a casa di Valerio: "Siamo amici di suo figlio e vorremmo parlargli", dicono alla madre, che apre. Viene subito immobilizzata, e la stessa sorte tocca al padre. Sono armati con pistole munite di silenziatore. Valerio non è ancora tornato da scuola. Alle 13,30 Valerio apre con le sue chiavi la porta di casa ed è subito assalito dai tre, con i quali ha una breve colluttazione, poi viene immobilizzato e ucciso con un colpo alla schiena. E' dubbio se fu ucciso "precipitosamente" a causa della sua resistenza, se volessero prima "fargli delle domande", come accennarono alla madre i tre assassini: queste considerazioni possono avere interesse solo in relazione con quanto vedremo circa le "ragioni" dell'uccisione di Valerio.
Per il resto... la morte di Valerio pesa come una montagna.
L'assassinio di Valerio non fu un una "semplice" conseguenza di uno scontro tra compagni e fascisti, né dell'agguato in strada, come spesso è avvenuto. Abbiamo sempre saputo, al di là delle "verità processuali", che Valerio fu ucciso per delle ragioni precise, inerenti il più ampio scontro di classe tra sinistra rivoluzionaria e classe dominante, la quale si avvalse (e si avvale) dei fascisti per le sue operazioni più sporche. Valerio conosceva cose che, venute in luce alla magistratura, produssero come primo effetto la sua morte.”
La descrizione dei fatti continua sul sito di Reti Invisibili 

Sono io che ringrazio Carla per il suo commento, la sua condivisione al mio percorso nella memoria diventa prezioso considerando i fatti che hanno così dolorosamente segnato la sua esistenza con l’uccisione di Valerio.
Diventa prezioso perché oltre alla continua ricerca della verità sull’uccisione del figlio, Carla, non si sottrae ad essere elemento di esempio e stimolo per i più giovani, a fianco dei lavoratori in lotta contro l'arroganza padronale. Un altro esempio a cui fare riferimento.
Loris

5 commenti:

giuliano ha detto...

Fare memoria è fare la storia del Paese. Vuol dire anche moltiplicare l'impegno perchè la storia del Paese diventi un'altra.

Audrey ha detto...

Io mi chiedo quando questi testimoni di un'Italia resistente non ci saranno più, chi parlerà alla nostra coscienza? Chi la manterrà viva? E questo diventa sempre più un paese senza futuro.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Tocca a noi, pur con tutti i limiti, prendere il testimone e non dimenticare mantenendo sempre vivo il ricordo.

il Russo ha detto...

A volte viene da chiedersi davvero se il sacrificio di Valerio e tanti ragazzi come a lui sia davvero servito a qualcosa...

Kaishe ha detto...

... e nemmeno con le evidenze più chiare si staccano le fette di prosciutto dagli occhi degli italioti berluscondipendenti.
Che paese siamo diventati?

Un saluto

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.