il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



lunedì 3 giugno 2013

Curiamoci i mal di pancia usando il cervello


La metafora che più è compresa è quella del marito che si tagliò il pisello per far dispetto alla moglie.
Parliamo di finanziamento pubblico ai partiti, argomento estremamente delicato e di cui tanti, un po’ troppi a mio giudizio, ne auspicano e caldeggiano l’abolizione. Il fatto che la disputa sia se il finanziamento debba essere pubblico o privato, e non quali siano state o avrebbero potuto  o dovrebbero essere le regole per il finanziamento pubblico, è estremamente indicativo. Altrettanto indicativo è la richiesta di riduzione del numero di parlamentari in un Paese dove la magistratura sta indagando sulla compra-vendita di parlamentari al fine di salvare un governo
Meno parlamentari in assoluto, meno parlamentari da comprare. Meno parlamentari meno rappresentanza politica.
La sola possibilità che “privati” possano finanziare i partiti è un concetto che con la democrazia ha poco a che spartire, perché è evidente che ci saranno soggetti  a cui sarà impedito l’accesso alla politica proprio in virtù dei costi della politica.

In un paese in cui, in più di vent’anni, non si è arrivati ad una legge sul conflitto di interessi, con un premier che di conflitti ne aveva anche sulla eleggibilità, credo che pensare di legiferare affinchè lobby non prendano il controllo politico del paese, equivalga a raccontare qualche romanzo di Asimov: assai verosimile grazie alla sua bravura di narratore, ma pur sempre fantascienza.
Le recenti esternazioni dell’attuale primo Ministro Letta, sulla possibilità di una deriva “presidenzialista”,  sono un’ ulteriore sirena d’allarme per la nostra democrazia e per la depauperazione della nostra Costituzione.
Ricordiamoci che nel caso degli sperperi di denaro pubblico nei Consigli Regionali, la vera colpevole è una presunta interpretazione del “federalismo” e dell’autonomia dell’istituto delle Regioni. Che i primi ad affondare le mani nella marmellata siano stati proprio i “paladini” del federalismo non deve sorprenderci più di tanto. Sono gli stessi paladini di una legge elettorale più letamaium che porcellum.
Riaffermiamo il valore della Costituzione e delle modalità di rappresentanza democratica. Rivendichiamo una riforma che affermi il finanziamento pubblico della politica con regole certe e trasparenti.
La Democrazia non può essere privatizzata.
Loris

ps.in direzione ostinata e contraria

2 commenti:

cristiana2011-2 ha detto...

Me ne sono uscita con " se dovessero cambiare le regole sull'elezione del Presidente della Repubblica, un cosa è certa: Berslusconi è escluso"
Ma mio marito dice di no, dice di ricordarmi quando hanno hanno appoggiato Berlusconi dicendo che veramente credeva che Ruby fosse la nipote di Mubarak, dice che il PdL è in grande risalita, dice che non è escluso che Berlu diventi un Presidente con più poteri!
Non lo posso credere! Altro che Asimov! Non possiamo esserci ridotti così!
Cristiana

loris ha detto...

@cristina, nella nostra Costituzione ci sono i fondamenti per cui la Democrazia non venga stuprata, non è un caso che troppo spesso in virtù di un presunto modernismo venga cercata la via più "comoda" per riformarla, per rendere più semplice il controllo del sistema. Non è sbagliato il concetto di "mezzo" dei partiti nel rapporto tra cittadini e Stato. Sicuramente è cieco e sbagliato la non riforma dei partiti consentendo una sempre minore rappresentatività di larghe fasce di cittadini e l'omogeneità programmatica tra di loro.
L'appello alle regole e al rispetto delle stesse è la "cifra" che sta tra un paese Democratico e uno Stato incapace di dare rappresentanza ai suoi cittadini.
Non chiediamo scorciatoie più attinenti al sentire con la pancia chiediamo regole che migliorino la vita democratica.

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.