il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



sabato 7 settembre 2013

la Costituzione non puo' essere un pretesto


"Potevo fare di questa aula sorda e grigia un bivacco per miei manipoli
Era il 16 novembre 1922 quando Mussolini interviene in aula a un mese dalla marcia su Roma e alla sua investitura come Primo Ministro. Il disprezzo e la minaccia per la democrazia è evidente, ciò nonostante, deve passare“formalmente” da quell'aula, che è il terreno di confronto parlamentare,, anche se di li a poco stravolgerà ogni regola, calpesterà i diritti parlamentari, farà assassinare i parlamentari di opposizione, li metterà fuori legge e li imprigionerà o li costringerà, perseguitati, all'esilio.
Occorreranno più di 20 anni, riempiti di atrocità e ignominie e sangue di valorosi, prima di restituire a quell'aula la dignità e l'autorevolezza che gli competeva.
La Costituzione Repubblicana sancirà la sacralità per la democrazia di quei luoghi di confronto politico e le modalità di confronto al loro interno.
Ieri, 6 settembre, a Montecitorio un manipolo pentastellato ha “occupato” il tetto del palazzo esibendo striscioni, in un tentativo becero di “difesa della Costituzione” dalle manipolazioni della scellerata maggioranza delle “larghe intese”.
Come si può pretendere di volere il rispetto delle regole, quando non si è in grado di rispettare le regole e i luoghi dove le regole stesse vengono scritte?
Ci sarebbe stata ben più che indignazione se altri si fossero minimamente permessi comportamenti analoghi, coinvolgendo o utilizzando i luoghi “principi” delle istituzoni. Incapacità e inettitudine non sono scusanti ammissibili per le performance pentastellate.
Non ci si può trincerare dietro la logica “craxiana” che infrangere le regole se lo fanno tutti, diventa accettabile. Quella regola ci ha portato oggi ad avere in Parlamento figure come il pregiudicato Berlusconi e la cavillosa ricerca di una più o meno grossolana possibilità di mantenergli una agibilità politica.
Non si può neanche non considerare che azioni come quella di ieri siano proprio il frutto di quella cultura berlusconiana sulla visibilità quando i contenuti sono risibili. Sicuramente può diventare un cavallo di troia per legittimare una più o meno regola a salvaguardia di Berlusconi stesso.
Infine una considerazione sulla difesa della Costituzione. Il tentativo di modifica dell'art. 138 è senza ombra di dubbio un grave tentativo di intervento proprio sui meccanismi di riforma della Costituzione stessa. Il tentativo di sottrarre al giudizio popolare le eventuali modifiche è altresì evidente e la dice lunga sul tenore delle modifiche che vorrebbero apportare.
Sono, fortunatamente molti i soggetti che si sono attivati a salvaguardia della Carta, alcuni però, e il M5S sono poco credibili. La vocazione presidenzialista non è neanche velatamente nascosta e gli strumenti di legame dei cittadini con lo Stato sono per il M5S quelle cose da aprire con l'apriscatole.

Sostanza è anche forma, e oggi possiamo dire che la forma ci ha ricordato molto quella sostanza con cui gli italiani hanno avuto a che fare dal 1922 al 1945.
Loris

6 commenti:

Unknown ha detto...

si, giusto il ragionamento ma io che non amo il M5S e ne contesto il più delle volte interventi e comportamenti, ieri non ho eccepito assolutamente niente, visto che al di là della rete, NESSUNO è in grado di avere la benchè minima nozione di ciò che in parlamento, questo parlamento, stanno attuando sulla costituzione..un parlamento di nominati, non eletti, che assecondano disegni illiberali. allora, ben venga anche un atto dirompente perchè se non altro i media sono stati costretti a parlarne e forse, qualcuno si è svegliato dal torpore.

loris ha detto...

@gisella, trovo intollerabile che vengano utilizzati quei "luoghi" istituzionalmente sacri per acquisire visibilità. In Parlamento la battaglia si fa in aula,la visibilità deve esserci nel dibattito parlamentare e nei collegi dove i parlamentari sono stati eletti. O si è in grado di rispettare le regole o non c'è possibilità di pretendere che altri le rispettino.
E' un brutto precedente, e pensare che a compierlo sono le "armate degli apriscatole" anche se grottesco da tutto il peso della gravità del gesto.
Berlinguer ci ricordava che noi comunisti eravamo "diversi" perchè rigorosi nell'osservanza delle regole.

loris ha detto...

Voglio ricordare come il comico di Sant'Ilario sul parlamento di "nominati" si è espresso per tornare alle urne col "porcellum".

Anonimo ha detto...

La costituzione fu blindata dai padri costituenti in modo che fosse quasi impossibile da modificare: ora che e' diventata obsoleta e vetusta, rischia di essere un macigno che trascina a fondo il paese.L'Italia ha bisogno di parecchie riforme, la prima delle quali deve essere quella costituzionale in senso presidenziale, le altre seguiranno automaticamente.

loris ha detto...

la vetustà ed il presunto superamento è solo nel cervello di chi vuole definitivamente saccheggiare i diritti del nostro paese asservendoci a strutture sovranazionali.
Le Costituzioni "leggere" facilmente modificabili al cambio di orientamento politico degli esecutivi hanno portato alle situazioni ben conosciute come nei paesi del nord africa (Egitto Tunisia)

Anonimo ha detto...

Siamo gia' asserviti a strutture sovranazionali ed il parlamento e' di fatto svuotato e privato di ogni potere:si decide tutto a Berlino,Bruxell e Londra, Roma non conta piu' nulla indipendentemente dalla costituzione.E sara' sempre peggio.

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.