il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



mercoledì 19 maggio 2010

Sentenza Diaz - "Un giudice c’è anche a Genova, non solo a Berlino!" (di Giuliano Giuliani)


Quando i giudici hanno terminato la lettura della sentenza d’appello per i fatti della Diaz il mio commento è stato: “Un giudice c’è anche a Genova, non solo a Berlino!”.

E’ stato infatti completo il ribaltamento rispetto alla sentenza di primo grado, che aveva assolto “perché il fatto non sussiste” tutti gli alti vertici della polizia. Quelli, per intenderci, presenti all’esterno della scuola dove si consumava la “macelleria messicana”, per ricordare l’espressione usata dal vice questore Michelangelo Fournier quando venne a testimoniare, anch’egli ritenuto fra i responsabili. Quelli che filmati ormai famosi ritraggono mentre si palleggiano un sacchetto di plastica azzurro all’interno del quale ci sono le altrettanto famose bottiglie molotov, che vengono introdotte nella scuola per poter accusare i presenti di terrorismo (è sempre utile ricordare che, nell’ordinamento, la molotov è considerata arma da guerra e che il possesso attribuisce la gravissima accusa). Quelli che, nonostante i pesanti sospetti che emergevano dalla ricostruzione dei fatti e dalle udienza, sono stati collocati al vertice di tutti i fondamentali servizi che dovrebbero garantire la sicurezza del Paese e dei cittadini.

Certo, molte condanne non avranno effetti perché i reati sono prescritti: gli accorciamenti dei tempi non aiutano soltanto il principale beneficiario delle leggi ad personam. Ma il valore della sentenza sta proprio nelle condanne per reati gravi accertati e che soltanto una valutazione invereconda dei giudici di primo grado poteva sottovalutare o addirittura ignorare. Ora, per usare la litania di rito, occorre attendere la sentenza di terzo grado, necessaria anche perché diventi operativa una parte della sentenza d’appello: quella che prescrive l’interdizione per cinque anni dai pubblici uffici degli imputati eccellenti. Capito? Vertici della polizia e dei servizi azzerati, un grave colpo anche per chi sta al di sopra di tutti, quel Gianni De Gennaro che, così si racconta, non sapeva, non commentava, non induceva a falsa testimonianza, insomma quasi ignorava che a Genova ci fosse un G8 con annesse manifestazioni no-global!

Un atto di coraggio, quello dei giudici della corte d’appello, di grande coraggio, così è stato detto. Ed è una considerazione sulla quale riflettere. Siamo davvero un Paese nel quale un atto di giustizia consapevole richiede, da parte di chi ha il dovere di compierlo, un grande coraggio? A questo siamo ridotti? A quando una autentica e diffusa rivolta morale per provare ad essere un Paese normale?

Dopo Bolzaneto, la Diaz. Due sentenze d’appello che ricostruiscono pezzi importanti di verità su Genova. L’appello per i 25 manifestanti accusati di devastazione e saccheggio aveva incomprensibilmente aggravato le pene per nove persone (fino a quindici anni per danni alle cose!), quasi che fossero gli unici responsabili di tutto quello che era successo. Ma aveva ribadito che altri avevano reagito a cariche “violente, indiscriminate e ingiustificate” dei reparti dei carabinieri, peraltro mai chiamati a risponderne.

E l’omicidio di Carlo? Appunto, quello lo hanno fatto i carabinieri.

Giuliano Giuliani

7 commenti:

Harmonica ha detto...

Giusto Giuliano. E ricordiamo a tanti distratti di sinistra che vorrebbero fare inciuci con Fini, dove era allora e quale ruolo aveva durante il G8 l'attuale presidente della camera.
Un abbraccio.

paoladany ha detto...

Ciao Loris, molte volte mi sono chiesta cosa avrei provato se un mio figlio fosse stato là.. maltrattato e picchiato. ora mi sto anche chiedendo come fanno a non vergognarsi, a non provare ripugnamento... non dico gli stessi agenti.. ma le mogli.. o i genitori.. di coloro che hanno fatto cose assurde e gratuite. come fanno? non riesco a capirlo. perchè io penso che chi entra nell'arma lo dovrebbe fare per far rispettare la legge.. la pace.. senza dover picchiaRE OD UCCIDER NESSUNO. Quindi non so proprio spiegarmelo.. perchè penso che se ci fossi stata io, anche sotto forzatura non l'avrei fatto. Questo mondo o diciamo questa Italia a pensarci bene fa sempre più schifo. ciao amico mio

loris ha detto...

I giorni del G( di Genova sono e continueranno ad essere tra le pagine piu nere della storia democratica del nostro paese. Una vera e propria sospensione della legalità. Fino a che non saranno acclarate le responsabilità politiche da parte di una commissione parlamentare la vicenda non potrà considerarsi chiusa.
Purtroppo anche questa ricerca della verità trova inquietanti sponde politiche.

La Mente Persa ha detto...

Il G8 di Genova è stato il primo vero atto di forza contro la democrazia del nostro paese, la democrazia fondata non in nome del coraggio ma bensì di un sentire comune fatto di valori, ragione e interesse positivo comune.
Sapevo, dopo quel giorno, di vivere in un paese lontano dalla dignità, quella dignità che mio nonno partigiano, comunista, musicita, mi aveva insegnato prima dell'alfabeto.
Perché il coraggio è una reazione della coscienza ai bisogni dettati dalla libertà, dal vivere civile, ed é il fine ultimo... Il coraggio è sacrificio.

A tutti quelli che chiudono gli occhi, serrano l'udito e tirano a campare vorrei ricordare che chi ha scritto la Costituzione, chi è morto a 22 anni perchè voleva scioperare, erano persone soddisfatte di portare a letto ogni notte il loro orgoglio di esseri umani. Valiamo se pieni di ideali, i soldi e il potere non sono nulla e anche gli ideali... cari compagni persi tra un dibattito e l'altro, servono come semplice luce per materializzare dei risultati.

Come diceva il poesta:
"C'était un temps déraisonnable
On avait mis les morts à table
On faisait des châteaux de sable
On prenait les loups pour des chiens"

Un caro abbraccio
gio

Alligatore ha detto...

Condivido quello che dice Harmonica e l'amica che mi precede, Gio' (provengo dal suo blog, ma lì non posso commentare: perchè Gio'?). Comunque, tornando al tuo post Loris, dico che si tratta di una sentenza importante perchè indica i capi e non i semplici "manovali".

Hol ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
La Mente Persa ha detto...

@Alligatore: non è la prima volta, quando cito il post di un altro mi piace lasciare i commenti sul blog d'origine. Sono eccessivamente ordinata :)

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.