il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



venerdì 18 giugno 2010

Ci sono notizie che ti fanno pensare di essere in un Paese normale (di Giuliano Giuliani)


Ci sono notizie che ti fanno pensare di essere in un Paese normale. Non sono molte, ma a volte capita. La condanna in appello di Gianni De Gennaro, per induzione alla falsa testimonianza nei confronti dell’allora questore di Genova Colucci, è una di queste notizie. D’altra parte che ci fosse il corrotto (indotto a mentire) e non ci fosse il corruttore; meglio ancora, che il grande capo della polizia non sapesse nulla di che cosa stesse succedendo a Genova, poteva essere solo una favola di questa povera Italietta. Sento già i coretti che, “andiamoci piano col giustizialismo”, “c’è ancora il terzo grado di giudizio”, “basta col giustizialismo”, “chissà di che colore sono queste toghe”. La sostanza è che, dopo la condanna in appello di tutti i grandi capi che non potevano non sapere, perché a Genova c’erano, si gingillavano davanti alla Diaz con il sacchetto di plastica contenente le molotov da far introdurre nella scuola per poter accusare i manifestanti del reato di terrorismo (sto parlando di Luperi, Gratteri, Ciccimarra, Caldarozzi, e via elencando, già ai massimi livelli allora, e poi promossi a compiti ancora più alti di direzione dei vari servizi), adesso è condannato il capo dei capi, che, passando per la monnezza di Napoli e per la direzione del ministero dell’interno ai tempi di Amato (centro sinistra), è finito con l’assumere la direzione del complesso dei servizi di intelligence (meglio limitarsi a chiamarli come una volta, segreti), una sorta di Negroponte italiano. Niente male davvero, povera Italietta!Naturalmente, nessuno di questi signori ha sentito l’obbligo di lasciare, almeno temporaneamente, l’incarico. Dovranno farlo se, a sentenza passata in giudicato, varrà ancora l’interdizione dai pubblici uffici per un po’ di anni. Ma ciò che vale per tanti altri paesi, nei quali prevale la norma della dignità, da noi non vale. Altrimenti a che servirebbero gli esempi che calano dall’alto, beh, non esageriamo! Un’ultima noterella. Le responsabilità di De Gennaro risultano da una telefonata intercettata, nella quale Mortola (altro condannato al pari di De Gennaro), allora capo della Digos genovese, e Colucci parlano della contentezza del “capo” per la smentita offerta in tribunale da Colucci rispetto a precedenti dichiarazioni. Toh, un’intercettazione che svela un reato! Bisognerebbe suggerire ai cialtroni della maggioranza di governo di insistere sulla retroattività delle norme e sulla impossibilità di avvalersi delle intercettazioni nei processi in corso!

Giuliano Giuliani

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Tu non rispondi ai miei sms provocatori e allora...
bene tutto quanto, ma io non mi sento assolutamente contenta, ne orgogliosa, ne sollevata. Neppure oggi, perchè vivo in un paese (normale?), l'Italia, dove un Pubblico Ministero ci mette 3 (tre) ANNI o forse più, ad ascoltare una intercettazione telefonica. Dico ascoltare. perchè mi turberebbe assai di più pensare che ci abbia messo 3 (tre, tre, tre, tre...) ANNI ad "interpretarla".
Vivo in un contesto dove non mi sembra che in questi 9 (nove, nove, nove, nove, nove) anni, neppure in questi ultimi 3 (tre,tre,tre,tre) anni i nostri alacri giornalisti, così affezionati alle intercettazioni, così solerti nel pubblicarle, nessuno di loro, ripeto, in tutto questo tempo abbia "violato il segreto istruttorio" per amore dell'informazione pubblica
...
Forse sarebbe meglio pensar male. Di molti

Paola

La Mente Persa ha detto...

Nooo... le intercettazioni secondo il governo si fanno per violare la privacy!
Una buona notizie, spero (sebbene io sia pessimista) di ascoltarne altre al più presto.
gio

Reale ha detto...

Anche se l'hanno condannato non accadrà, nulla sarà libero più di prima. In questo strano paese i potenti, o per meglio dire chi può permettersi amicizie, o difese potenti la fà franca. Chi no lo prende sempre dove non batte il sole.
Ricordo sempre ciò che disse un avvocato intervistato: SE HAI RAGIONE E SEI POVERO, FATTI PROCESSARE DA UN TRIBUNALE INGLESE, SE HAI TORTO E VUOI FARLA FRANCA FATTI PROCESSARE DA UN TRIBUNALE ITALIANO.
Comunque non credo che questo sia un paese normale.

Esploratore ha detto...

Passavo di qua e ho letto qualcosa: interessante...
Paese pseudo normale????
Saluti

uniroma.tv ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.