il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



martedì 30 novembre 2010

Giornalisti e Giornalai : una professione in vendita

E’ di ieri la lamentazione di Enrico Mentana per l’esclusione della stampa Italiana dalla distribuzione e diffusione in prima battuta dei file di Wikileaks.
Ritengo la scelta di non includere la stampa Italiana assolutamente comprensibile se consideriamo che la stragrande maggioranza dei giornalisti e direttori di testate varie, vivono il loro ruolo in una logica di “casta”, fin troppo spesso supponendo una supremazia intellettuale rispetto a chi gli consente di vivere, ossia, i lettori o gli spettatori.
E’ stucchevole la rincorsa ad una presunta obiettività che sbilancia comunque e sempre a sfavore di chi non ha grossi strumenti di comunicazione mediatica.

Caro Mentana, sarà stata come l’hai definita tu una brutta immagine, quella di quei giovani che bruciavano i fantocci di Berlusconi e della Gelmini, ma sicuramente è più brutta la realtà di trovarsi di fronte all’impossibilità di progettarsi un futuro e sapere che un premier debole e un ministro che la presunta meritocrazia che riconosce è solo quella degli altri, saranno e sono tra gli artefici di quel futuro dalla precarietà assicurata.
Sicuramente è semplice dalle vostre poltrone e con i vostri portafogli pensare di pontificare una morale che non inficia sul vostro tenore di vita e sulla progettualità della stessa.
Siete talmente fedeli a questa etica da non mostrare il minimo disagio nel distribuire segni di visibilità e solidarietà a chi, come il direttore Feltri dal suo quotidiano e dalle ripetute presenze sui video più diversi, non ha mai esitato a fare del killeraggio nei confronti di oppositori al suo indiretto datore di lavoro. Evidentemente al di la delle sue azioni, è e rimane soprattutto , un vostro collega e compagno di casta.
La vostra obiettività si trasforma in indifferenza, e come diceva Gramsci, “odio gli indifferenti. Certamente però, per essere partigiani occorre coraggio.
Per queste ragioni, ritengo che giustamente, la stampa italiana nel suo complesso, anche se non è giusto generalizzare, sia stata tenuta lontana da quel ruolo di protagonista che avrebbe dovuto avere: dare delle notizie.
Forse è stata considerata una buona suonatrice di piffero e una scarsa formatrice di coscienze. Quando qualcuno suona, c’è sempre alla fine un maestro d’orchestra.
Loris




4 commenti:

Gap ha detto...

:):):):):):)

il Russo ha detto...

Concordo con te in pieno, d'altronde avessero tenuto in considerazione la stampa italiana credo che anche quella Russa e quella Somala avrebbero giustamente preteso lo stesso trattamento.

La Mente Persa ha detto...

Brecht diceva che si parla di morale con lo stomaco pieno.
Mentana ha lo stomaco pieno.

paolo ha detto...

Ciao.
Il tuo articolo è stato plagiato qui:
http://www.cameraconsvista.it/2010/11/30/stampax/
Ho iniziato a cercare, e segnalare i plagi di questo signore (che sono numerosissimi) dopo aver letto quest'articolo qui:
http://mazzetta.splinder.com/post/24185268/solite-storie-di-plagio-seriale
Saluti
Paolo

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.