il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



venerdì 31 ottobre 2008

L'ONDA CHE AVANZA

..Un po provocatoriamente un po per la stanchezza avevo postato un pezzo in cui chiedevo solo di commentare i propri 30 ottobre nelle diverse realtà. A mente più fresca mi rendo conto che era come scoprire l'acqua calda e, fortunatamente non avendo ricevuto commenti l'ho rimosso.
La giornata di ieri è stata ovunque, su tutto il territorio Italiano un successo di partecipazione che è andato anche al di la delle aspettative. A Genova si è trattato di una delle più grandi e imponenti manifestazioni del mondo della scuola da quando ne ho memoria. A Roma molti che erano andati da tutta Italia alla manifestazione non sono riusciti neppure a vedere piazza del Popolo dove c'era il comizio dei sindacati e per ore tutta la città è stata paralizzata da 4 cortei che cercavano di muoversi. Che la questura, che i l governo, dica poche o qualcuna di più migliaia di partecipanti penso non ce ne possa importare assolutamente nulla. Gli occhi e le orecchie le abbiamo.
Come ho già sintetizzato in altre occasioni è a mio parere la prima volta dopo il 75 che un movimento che nasce all'interno delle problematiche della scuola riesce a coinvolgere tutte le componenti e tutte le sue ricadute sulla società.
Quello che è successo in questi giorni in parte smentisce le interpretazioni post-elettorali che ci hanno fatto dire che il successo delle destre era dovuto a una disaffezione nei confronti della politica. Le rivendicazioni di questi giorni non sono solo di salvaguardia di posti di lavoro ma, anche di salvaguardia di valori sullo sviluppo culturale e democratico nel nostro paese.
Sarebbe comunque un errore pensare che a questo punto il rapporto della sinistra con il suo popolo di riferimento si sia risaldato, anzi, abbiamo un dovere più forte ad approfondire la conoscenza delle cose e diventare riferimenti alle sollecitazioni che provengono dalla nostra realtà senza avere l'arroganza e la presunzione di metterci il "cappello sopra".
"L'onda" ci sta in questo momento insegnando qualche cosa cerchiamo tutti di farne tesoro.

7 commenti:

l'incarcerato ha detto...

Ottima analisi e la condivido in pieno!
Specialmente quando dici"guai a metterci il cappello sopra".

Roma era completamente paralizzata! Ma questo governo ancora si permette di fare il sordo! Non può continuare così!

Alessandro Tauro ha detto...

Ero a Roma ieri!
Chi parla anche solo di due o trecentomila manifestanti evidentemente non si è nemmeno avvicinato con lo sguardo sulla capitale.

Non so quante altre volte capita di rimanere a piedi sul Grande Raccordo Anulare. Io ero uno di quei manifestanti appiedati.

Davanti al ministero della pubblica istruzione c'era un continuo turn-over di manifestanti, che non cessavano mai di arrivare.

Sono nati in continuazione cortei spontanei in ogni parte di Roma. Il traffico automobilistico era bloccato ovunque.
Ogni corteo che nasceva si arrestava immediatamente per l'eccessiva folla che lo componeva e che non lasciava spiragli per proseguire!

Una giornata straordinaria, una riscossa di questo paese. Una riscossa per oltre un milione di buone ragioni!

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Condivido anch'io il tuo post: cerchiamo di entrare in empatia con chi sa ancora alzare la testa.

Crocco1830 ha detto...

Condivido pienamente il tuo post. Ottima la coclusione. Occorre essere partecipi di questo movimento. Nè sopra, nè sotto di esso. Al suo fianco, per non rimanere soli. Nè la sinistra, nè il movimento.
P.S.: sono arrivato per caso nel tuo blog. E sono felice di esserci capitato. Se ti va, potremmo scambiarci i link. Fammi sapere. Ciao.

l'incarcerato ha detto...

ps alessandro tauro non ha esagerato per niente, era veramente così...

Adriano Smaldone ha detto...

bel post condivido anche io ma non sono ne di destra ne di sinistra

Gatta bastarda ha detto...

speriamo che l'onda non muoia... io lotterò...sono un apiccola goccia nell'onda!

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.