il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



venerdì 15 aprile 2011

Vittorio Arrigoni,...e ti ricordo così


Il 21 settembre del 2009 venivo informato che Vittorio era riuscito a passare il confine di Gaza e si trovava quasi certamente in Egitto. Lo avevo cercato per concordare una sua presenza on-line da Gaza: una sua testimonianza in diretta dell’esperienza “Piombo fuso”. 
Dopo un breve periodo di riposo, concordai una data, che avrebbe consentito non una presenza on line, ma diretta, di Vittorio a Genova. 
Il 20 novembre ero ad attenderlo alla stazione, un ritardo sul programma, ci avrebbe fatto saltare il primo appuntamento in piazza Alimonda dove tutti i 20 del mese Giuliano Giuliani, padre di Carlo è presente da quasi 10 anni. 
Nell’attraversare la città in macchina conversammo al di fuori dei formalismi, scherzammo su una mia disavventura automobilistica, ci confrontammo sulle problematiche genovesi nei confronti del problema palestinese e riuscimmo pure a trovarci in disaccordo su alcuni tipi di soluzioni di resistenza palestinese nei confronti di Israele. 
Al circolo ARCI “lo Zenzero” oltre alle persone che partecipavano all’incontro con Arrigoni, altri operatori, di altre organizzazioni umanitarie, ne approfittarono per ritrovarsi con Vittorio. 
Circa due ore di immagini, le angherie dell’esercito israeliano, la difficoltà a sopravvivere, nella realtà di Gaza, le spiegazioni e i commenti di Vittorio. 
I saluti, e scopriamo che è nuovamente tardi. Prima di uscire un rimbrotto di Haidi Giuliani, che si preoccupa per questo ragazzo, se ha mangiato, dove dormirà : anche lui è un figlio. 
dedica personale del libro
Non c’è tempo per quel panino e quella birra che ci eravamo ripromessi di prendere insieme prima dell’appuntamento successivo, di nuovo in macchina, sono quasi le 21mi arresto davanti alla Biblioteca Berio in via del Seminario, lo accompagno all’interno, gli viene offerto un pezzo di pizza ci salutiamo, mi raccomando che lo facciano mangiare, un abbraccio e ci ripromettiamo la birra per una prossima volta, magari con più calma. 
Arrivederci Vittorio, arrivederci a Gaza.
Non credo a quando si dice “nel posto e nel momento sbagliato” quando si fa una scelta che è scelta di vita. Vittorio la scelta di stare dalla parte dei pescatori e dei contadini di Gaza l’aveva fatta coscientemente. Condividerne la quotidianità voleva dire condividerne anche i rischi della sopravvivenza, significava anche condividerne le contraddizioni. 
Grazie Vittorio per questa tua quotidianità, per le tue paure e il tuo essere eroe, per il tuo essere anziano,nella sofferenza maturata sotto le bombe e l’essere giovane nel tuo voler cambiare il mondo. 
Restiamo umani. 
Loris






10 commenti:

Ernest ha detto...

un uomo e i suoi ideali
dobbiamo ricordarlo sempre

Cirano ha detto...

vittorio..fratello!!!

La Mente Persa ha detto...

Io non riesco a scrivere nulla...
Anzi una cosa la voglio dire: ci sono e ci sarò sempre a portare nel cuore e con le azioni del mio piccolo quotidiano il suo messaggio: Restiamo umani.

Gap ha detto...

Caro Loris, che vuoi che ti dica che non puoi immaginare?

Maurizio ha detto...

Non sono mai stato molto loquace, ancora di più in queste situazioni.
Mi fa rabbia ritrovarmi a parlare di quanto accaduto e di, ancora, una morte assurda ...

Massimilano ha detto...

Ciao Vik. http://filosofandopuresuiperche.blogspot.com/2011/04/ciao-vik-israele-ti-ha-ucciso-ma-noi.html

mr.Hyde ha detto...

..no words..

Francesco Zaffuto ha detto...

Con centomila uomini così ci sarebbegià la pace e la giustizia sulla terra.
Poco fa ho inserito un post su Vittorio Arrigoni sul mio blog; ero anche indignato per come Pierluigi Battista ha descritto il caso sul Corriere stamani.
ciao

elena ha detto...

grazie Loris per aver condiviso il tuo ricordo. Purtroppo con Vik ho avuto solo rapporti in rete... l'unica cosa che possiamo fare ora per onorare la sua memoria e far sì che non sia morto invano è... restare umani. RIP, Utopia!

civettacanterina ha detto...

fai bene a ricordarlo, chi ha un ideale buono merita memoria

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.