il problema attuale non è più la lotta della democrazia contro il fascismo ma quello del fascismo nella democrazia (G. Galletta)

Amicus Plato, sed magis amica veritas



venerdì 22 maggio 2009

ARMIAMOCI CON IL VOTO

La “pancia” mi aveva senza dubbio suggerito il tema e lo svolgimento del post che sto accingendomi a scrivere, ma, la stanchezza e il sonno hanno fatto decantare l’istintività e forse prevalere la razionalità.
Voglio salutare e augurare di raccogliere più consensi possibili a due compagni che si presentano candidati per le prossime elezioni al parlamento europeo: Giuliano Giuliani e Giulietto Chiesa.
Anche se in periodi diversi il rapporto di conoscenza con questi due compagni è di tipo personale.
Giuliano Giuliani è candidato in Grecia dall’SYRIZA , la sinistra greca, e la sua storia politica che ai più è nota dopo i tragici fatti di Genova 2001 nella realtà inizia molti anni prima sia nell’allora PCI, sia all’interno del sindacato, dove ha ricoperto ruoli di dirigente .
Anche la storia di Giulietto Chiesa inizia prima della sua notorietà come giornalista, infatti dalla metà degli anni 60 ricopre ruoli di dirigente politico nazionale prima nella Federazione Giovanile Comunista e successivamente a Genova nella federazione del PCI, oltre che essere il capogruppo in Provincia di Genova tra il 1975 e il 1979. Chiesa si candida per “Per la Difesa dei Diritti Umani in una Lettonia Unita” volendo continuare una battaglia per il rispetto dei diritti delle minoranze in Europa.
A questo punto la “pancia” avrebbe voluto che mi sciogliessi in un lamento recriminando sul fatto che non sono ne cittadino Greco ne cittadino Lettone dove avrei potuto esprimere con serenità un voto di sinistra attraverso uno dei due candidati che ho descritto.
Il pensiero è corso alla giornata di ieri 21 maggio e ai deliri che sono stati pronunciati dall’attuale capo del Governo. Un ulteriore, perché non è il primo, attacco al parlamento.
Il disegno berlusconiano è stato dichiarato pubblicamente. Un centinaio di deputati e uno strapotere alla maggioranza svincolata dalle leggi e regolamenti che ne garantiscono l’attuale meccanismo parlamentare.
La democrazia è un sistema di governo, in Italia, il sistema democratico ha come carta fondante la Costituzione e una serie di leggi,fra cui quelle elettorali che ne regolano il funzionamento.
Dire Democrazia non vuole dire la perfezione: in Germania nel 1933 dopo una campagna elettorale martellante alla radio da parte di Goebbels (la televisione non c’era ancora) con il 43,9 % il partito nazista prende “democraticamente” la maggioranza relativa e sulla base dei poteri conferitigli elimina “democraticamente” l’opposizione comunista rimanendo a questo punto in una condizione di maggioranza assoluta. Quello che è successo negli anni successivi non credo sia necessario raccontarlo qua.
Le elezioni europee non sono le elezioni politiche ma purtroppo rappresentano un più o meno consenso indiretto a questo governo e al suo Capo-padrone.
L’ho fatto già in precedenza, lo rinnovo oggi perché a mio parere il pericolo di una involuzione politica di tipo fascista è reale. Andiamo a votare, andiamo a esprimere il nostro voto contro questa concezione del fare politica. Chiedo al PD di non ripercorrere mai più la strada del “voto utile” che tanto danno ha portato per gli equilibri democratici. Chiedo anche che avvenga una correzzione nella politica del PD nei confronti del Referendum perché le aberrazioni della democrazia non sono fantasie e se è giusto garantire la governabilità ancor più giusto e garantire la Libertà e la possibilità di partecipare alla vita democratica.
Un voto ai partiti di opposizione per iniziare in maniera seria e convinta una nuova Resistenza.



12 commenti:

rigocentrico ha detto...

accolgo e rilancio, se non per strada a tirare le monetine come con Craxi, se non si ha la forza di armare una rivoluzione per opporsi a questo attacco alla costituzione, almeno con il voto esprimiamo il nostro dissenso. Spero che per gli elettori del pdl, soprattutto quelli moderati, e per gli indecisi, sia bastato quasi un anno di mal governo per esserne ripugnati e non votarli alle prossime elezioni europee e amministrative.

Gatta bastarda ha detto...

voterò perchè è l'unica cosa che per ora abbiamo ancora il diritto di fare... ma la tristezza che circonda la politica di ora mi affligge.

luly ha detto...

Resisto, con voi.
Ciao Loris!

andreacamporese ha detto...

Perfettamente in accordo. Il voto è un diritto/dovere, questo mi hanno insegnato a casa i miei genitori ed i miei nonni, prima di loro. Purtroppo, come dice Gatta Bastrada, il panorama è triste, ma dobbiamo resistere e portare avanti quell'idea sana di politica e democrazia che, ormai, sta andando dileguendosi per colpa del berlusconismo.
Saluti

Alessandro Tauro ha detto...

Sottoscrivo. Punto per punto.

PS: ero a conoscenza della candidatura di Chiesa in Lettonia, ma ignoravo del tutto quella di Giuliano per Synaspismos (buonissima formazione politica greca, per la cronaca). Un'altra gran bella notizia (più per i cittadini greci che per noi, ma pazienza...)

il monticiano ha detto...

Fortunatamente, dopo i deliri del capo-padrone, sono passato a leggere il tuo post e mi sono ricreato lo spirito sia per il fatto che Chiesa e Giuliani si sono candidati per le prossime elezioni europee, sia per aver ascoltato 3 volte 3, Fischia il vento e Bella ciao. Dal post del compleanno del tuo blog di ieri mi piace qui far risaltare la frase che hai scritto e che naturalmmente condivido: "...chi ha avuto il privilegio di vivere determinate esperienze sul piano politico e culturale ha il dovere di cercare di trasmetterle a chi, spesso per un problema generazionale non ha potuto viverle". Io l'ho fatto con mio figlio con l'esempio, lui sta facendo altrettanto con le sue figlie.

La Mente Persa ha detto...

Porterò il mio pessimismo al voto, come sempre.
gio

rakyatindonesia ha detto...

hi .. Sono da Indonesia, mi spiace se la mia lingua italiana è male. Mi piace il tuo articolo, e voglio essere tuo amico. Mi auguro che si desidera visitare indo-online e il mio blog in lingua Indonesia blog rakyatindonesia , se volete alcuni consigli su alcuni articoli di blog e di integrazione sociale. si prega di lasciare un commento. se in difficoltà, è possibile utilizzare Google Translate. ringrazio gli amici

rakyatindonesia ha detto...

hi .. Sono da Indonesia, mi spiace se la mia lingua italiana è male. Mi piace il tuo articolo, e voglio essere tuo amico. Mi auguro che si desidera visitare indo-online e il mio blog at blog rakyatindonesia , se volete alcuni consigli su alcuni articoli di blog e di integrazione sociale. si prega di lasciare un commento. se in difficoltà, è possibile utilizzare Google Translate. ringrazio gli amici

il Russo ha detto...

o.t. Grazie mille Loris, semplicemente il saperti vicino e partecipe non poteva non alleviarmi il dolore.

Alessio in Asia ha detto...

"Chiedo al PD di non ripercorrere mai più la strada del “voto utile” che tanto danno ha portato per gli equilibri democratici."

Condivido.
Ma guarda cosa scrive Adinolfi: http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it/2009/05/25/non_fate_cazzate_votate_pd.html

♥gabrybabelle ۶(๏̯͡๏)۶ ha detto...

Un voto ai partiti di opposizione per iniziare in maniera seria e convinta una nuova Resistenza!

d'accordissimo!!

seguo giulietto chiesa su Pandora tv e sapevo della candidatura espressa su
http://www.antimafiaduemila.com/

sin dal 30 marzo scorso-
Mi è spiaciuto,ma credo che fara' un'ottimo lavoro anche per
“Per la Difesa dei Diritti Umani in una Lettonia Unita”.Come lui stesso, ha avuto modo di dichiarare" Ha accettato la proposta di candidatura del partito,perchè le consente di portare avanti la battaglia per il rispetto dei diritti delle minoranze in Europa. Nel caso specifico,quello delle minoranze a prevalenza lingua russa che non hanno ancora ottenuto il pieno diritto di cittadinanza nei paesi del Baltico.

BEGIN

Share |

Lettori fissi

networkedblogs

DISCLAIMER


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti "linkati".

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.

Some text or image, in this blog, were obtained via internet and, for that reason, considered of public domain. I have no intention of infringing copyright. In the case, send me an E-mail and I will provide immediately.